ATTENZIONE:
TROVATE QUI LE DATE DELL'ANNO CHE RIGUARDANO INCONTRI, CONFESIONI, MOMENTI CONDIVISI  CLICCA QUI

PER GLI ITINERARI PER I GENITORI DELLE ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI CLICCATE QUI

DALLA DOTTRINA AL CATECHISMO AL CAMMINO DI FEDE PER DIVENTARE CRISTIANI
La Comunità di Sambe continua l’applicazione del modello CATECUMENALE al tradizionale catechismo. “Catecumeni” sono coloro che chiedono di diventare cristiani; il cammino catecumenale desidera GENERARE cristiani. Avendo quasi tutti i bimbi già battezzati, oggi si usa più propriamente il termine RIGENERARE alla fede. Questo desiderio vale per i bimbi, ma molto più per le loro famiglie, che hanno così l’opportunità di rimettersi in gioco, di riprendere un cammino a volte interrotto, di iniziarlo se per tanti motivi non è stato iniziato.

 

UN DECALOGO PER I CAMMINI DI FEDE

Schema: tappe e contenuti

 

Primo concetto importante: non ci sono famiglie di serie B e di serie A. Ciascuno si trova nella propria situazione per circostanze che, a volte, fanno parte del mistero della vita. «Chi sono io per giudicare?» ha detto papa Francesco. La Chiesa deve essere aperta a tutte le famiglie. Le situazioni irregolari non compromettono il cammino dei figli, anzi, si apriranno occasioni di dialogo e relazione.

Secondo non facciamo “catechismo o dottrina”, ma iniziamo un cammino di fede. Tappe e Sacramenti sono momenti del cammino e potranno essere scelte dalla famiglia in dialogo con i catechisti e i salesiani, secondo la maturità dei bambini. Tappe e sacramenti non sono la priorità.

Terzo in questo cammino, I genitori sono al fianco dei loro figli, pienamente coinvolti con itinerari personalizzati. Tutti siamo protagonisti, nessuno deve sentirsi gregario.

Quarto la condizione necessaria per godere di questo cammino è lasciarsi coinvolgere in un ambiente educativo e familiare. Una famiglia di famiglie che fanno dell’Oratorio centro Giovanile un “CROCEVIA DI RELAZIONI”.

Quinto unità tra annuncio, celebrazione e carità. Questo trinomio si fonde con il “Sistema Preventivo” di don Bosco, ragione, religione, amorevolezza. La Fede si gioca nella quotidianità, in un intreccio con vita che celebra, e che ama.

Sesto lo stile della festa che è tipicamente parte della spiritualità salesiana, deve connotare ogni nostra iniziativa. Anche l’incontro di gruppo dei cammini di fede dovrebbe avere questo stile… ci stiamo provando.

Settimo i cammini di fede iniziano in prima elementare con un incontro al mese, e proseguono dalla seconda elementare in poi ogni settimana fino all’età adulta. Si tratta proprio di un itinerario che non finisce. Sconsigliamo di iniziare questo itinerario con lo sguardo rivolto alla Cresima come un ostacolo da saltare per un eventuale matrimonio in chiesa. Tutte le tappe dalla seconda media in poi, sono scandite da tappe e promesse libere, a volte celebrate in luoghi significativi. Assisi, Torino e Colle don Bosco nei luoghi salesiani, Giornate Mondiali della Gioventù.

Ottavo chiediamo ai genitori un dialogo franco e trasparente. Non abbiate paura nel manifestarci domande, disagi, fatiche e difficoltà; come anche gioie, proposte e disponibilità.

Nono noi educhiamo evangelizzando, ed evangelizziamo educando. Per questo motivo il nostro ambiente offre diverse possibilità in tanti altri ambiti. Sportivo, musicale, teatrale, cinematografico. Il doposcuola per le medie e superiori è una delle attività che riteniamo più importanti per essere d’aiuto alle famiglie e per guidare i ragazzi in un approccio alla cultura non manipolato da ideologie strambe e false.

Decimo l’iscrizione deve essere fatta esclusivamente dai genitori, dopo aver conosciuto bene il cammino proposto e la diverse tappe. L’accettazione di questa proposta, diventa così una sorta di “Patto Educativo” che coinvolge famiglia, bambini e ragazzi, salesiani e sacerdoti, catechisti aiuto catechisti, animatori ed educatori, tutta la comunità cristiana, in un circolo virtuoso che farà la differenza.

CATECHISTI

 

Cosa fa un catechista?
Prima di tutto non è tanto cosa fa, ma cosa è. Un catechista è una persona che cammina nella fede esattamente come i ragazzi che gli son stati affidati dalla comunità cristiana per crescerli nella fede e nella vita. Siamo tutti accomunati in questo cammino che non finisce mai. Sacerdoti, genitori, bambini e ragazzi, catechisti ed educatori.

Il catechista non trasmette dei contenuti, ma testimonia la propria appartenenza ad una persona: Gesù Cristo. Appartenenza che non è perfetta, nè già arrivata e conclusa, ma in divenire.

Questo significa che il primo compito del catechista è la propria formazione. Una formazione personale spirituale, una formazione specifica per abilitarsi sempre più alla capacità di tradurre la propria esperienza in testimonianza.

Non bisogna essere super eroi, ma semplicemente persone disponibili a donare ciò che si è ricevuto nella gratuità.





AIUTO CATECHISTI


Cosa fa esattamente un aiuto-catechista? Il termine teoricamente spiega già tutto: noi aiutiamo ogni domenica i catechisti, veri responsabili dell’evangelizzazione dei cammini di fede dei bambini, ma vi prego di non pensare che il nostro sia un compito meno faticoso o meno importante di quello affidato a loro! Noi aiuto-catechisti, in quanto tramite fra i ragazzi e i loro catechisti, diamo e riceviamo aiuto da entrambi. Molti di noi sono appena usciti dall’esperienza del catechismo e continuano il cammino di fede, ed è proprio qui che risiedono le nostre potenzialità: essere vicini alle esigenze e alle problematiche dei bambini che frequentano il catechismo (spesso confrontandoci con loro) restando allo stesso tempo proiettati in un’ottica di pensiero più matura, vivendo il catechismo come un’occasione per imparare insegnando.

Giovanni Sarti

Ferrara, 30 settembre 2013


AI GENITORI DEL TERZO ANNO

SCELTA DELLA DATA DEL RICORDO DEL BATTESIMO
Quarta tappa del Cammino di Fede  

Cari genitori,
vi ricordiamo che:
il 1 Dicembre ci sarà la consegna della Parola durante la messa delle 10
il 13 aprile 2014 alle 15.45 ci sarà la Quarta tappa del Cammino con il Ricordo del Battesimo. Consideriamo questo passaggio importante e fondamentale per far prendere coscienza del tesoro che i vostri ragazzi hanno ricevuto.

Ricordiamo che, nello spirito di questa impostazione formativa, è possibile posticipare la data al prossimo anno pastorale (novembre-dicembre 2013) per motivi validi. Oppure si può rinunciare a proseguire il Cammino o sospenderlo per qualche tempo. Ricordiamo che NON SARA’ POSSIBILE accedere alle tappe successive (es. Cresima) senza aver compiuto le precedenti.
Raccomandiamo solo di avere sempre in mente l’obiettivo ultimo del nostro intento: GENERARE CRISTIANI! La sincerità nelle scelte è fondamentale per educare al bene.
Vi preghiamo di segnalare le vostre richieste con il modulo sottostante.
Vi chiediamo, per tanto, di dare entro e non oltre domenica 21 aprile la vostra disponibilità ai catechisti e a dialogare con loro per la scelta della data.
 
Vi ringraziamo della collaborazione. Don Bosco e Maria Santissima ci aiutino.
Don Paolo Don Diego e i catechisti

---------------------------------------------------------------------------

RICHIESTA DI ADESIONE ALLA QUARTA TAPPA DEL CAMMINO DI FEDE
Ricordo del Battesimo e Rinnovo delle Promesse Battesimali

Noi genitori di  …………………………………......……… dopo il confronto con i catechisti,
chiediamo che possa partecipare  al RICORDO DEL BATTESIMO come quarta tappa del Cammino di fede il

    sabato 13 APRILE 2014
    nell'anno pastorale 2014-2015
    Altro ................................................................
                                    
RIPORTARE IN ORATORIO o ai catechisti. Grazie.

Ai genitori e ragazzi del quarto anno
Uscita alla scoperta del Cuore cristiano della Città


Cari genitori dei ragazzi del quarto anno,
nel cammino di fede dei vostri figli stiamo cercando di aprirci alla dimensione ecclesiale della nostra Diocesi. Come già ampiamente sperimentato con successo, invitiamo i vostri figli ad un pellegrinaggio nel cuore cristiano della Chiesa di Ferrara, DOMENICA 11 MAGGIO 2014 con ritrovo in Oratorio ore 14,30.

Il programma  prevede le seguenti visite:
•    Monastero del Corpus Domini, dove conosceremo la vita di clausura delle Suore Clarisse e ci uniremo a loro in preghiera
•    Chiesa di S.Maria in Vado, racconteremo  il miracolo eucaristico avvenuto in questo luogo, anche se l’accesso è impossibile a causa dei danni subiti con  il terremoto
•    Centro accoglienza Caritas diocesana, un responsabile ci farà visitare questo luogo e conoscere l’attività svolta.
•    Duomo … con sorpresa!
Il rientro è previsto verso le ore 19.00 in Oratorio.

È nostra premura organizzare lo spostamento in autobus e la merenda, pertanto vi chiediamo gentilmente di darci conferma della partecipazione dei vostri figli entro domenica 4 Maggio.

Oltre le iniziative del Mese di Maggio, ricordiamo anche l’importante appuntamento di sabato 25 maggio dalle 15 alle 17 per preparare la domanda di ammissione alla Cresima. Come sapete sarà consegnata Domenica 2 giugno, durante la Messa della Festa della Comunità. La domanda è necessaria per entrare nella lista dei Cresimandi che faranno la Cresima a ottobre.

Per informazioni potete contattare le catechiste
Maria Ausiliatrice e Don Bosco ci guidino verso Gesù.

 Don Paolo, Don Diego e i catechisti

Ferrara, 30 settembre 2013

AI GENITORI DEI BAMBINI DELL’ANNO DI EVANGELIZZAZIONE
Carissimi genitori,
L’anno di Evangelizzazione ha come tappa la consegna del “Padre Nostro” a coloro che ne fanno richiesta. In caso si ritenga di aspettare una maggiore maturazione del bimbo/a è’ possibile anche rimandarla senza problemi, pur rimanendo del gruppo!
Vi chiediamo di dialogare tra voi e con i vostri figli sulla SCELTA DI RICEVERE IL “PADRE NOSTRO” durante la celebrazione delle 10.00 del prossimo 11 Maggio 2014.  Con essa la comunità cristiana consegna ufficialmente a ogni bambino le parole che Gesù ci ha insegnato per rivolgersi al Padre, chiedendo a ciascuno di farle progressivamente proprie, imparando cioè ad avere uno spirito da figlio davanti a Dio Padre e a pregare attraverso la preghiera di Gesù. La “consegna” è il primo atto con cui i vostri figli diventano partecipi del Battesimo che li ha resi parte della Comunità. L’impegno sarà quello di recitarlo tutti i giorni.
La richiesta di ricevere il Padre Nostro va consegnata a Don Paolo o ai catechisti entro il 27 aprile 2014.

-------------------------------------------------------------

RICHIESTA CONSEGNA DEL PADRE NOSTRO  2013
 
Noi genitori di ………………………………………………………………………
    chiediamo che possa ricevere il “PADRE NOSTRO” come prima tappa del Cammino di fede l'11 Maggio 2014 alle ore 10.00
    preferiamo rimandare la CONSEGNA del Padre Nostro al prossimo anno pastorale

Si chiede di consegnare questa richiesta a Don Paolo o ai catechisti entro Domenica 27 aprile