Il Matrimonio

 

E' uscito il nuovo rito del matrimonio.
Guarda questa simpatica presentazione:
ti aiuterà a cogliere gli aspetti nuovi.

 




Il matrimonio cristiano


Il matrimonio cristiano, costituito dal Creatore quale principio e fondamento dell'umana società, e la famiglia che da esso trae origine, rivestono grande importanza per tutta la convivenza sociale.
Il matrimonio cristiano quindi, perché sacramento-segno dell'amore di Dio per l'uomo e di Cristo per la sua Chiesa ha alle sue radici alcuni valori imprescindibili, che sono:- l'unicità del vincolo; - l'indissolubilità; - l'apertura alla vita.
Tutti valori che devono essere vissuti nella libera scelta per amore, senza costrizione esterna.
La scelta del matrimonio è un impegno sociale e di testimonianza cristiana, per questo va celebrato nella parrocchia di appartenenza di uno dei due nubendi o nella futura parrocchia di residenza. Celebrazioni di matrimonio fuori parrocchia possono essere concesse solo dalla Curia Arcivescovile, alla quale va indirizzata una lettera di richiesta per motivi pastorali seri e non legati a scelte "sentimentali" poco significative del valore del sacramento che si celebra.



Indicazioni utili

ITINERARIO DI PREPARAZIONE
Durante l'anno pastorale vengono organizzati degli incontri di preparazione che intendono essere un "percorso" di riflessione sul sacramento stesso e i suoi valori. Si tengono nel mese di ottobre/novembre. Nel mese precedente è opportuno informarsi presso la segreteria parrocchiale delle modalità di svolgimento e di iscrizione.

I DOCUMENTI NECESSARI
Il matrimonio canonico (celebrato in chiesa con effetto civile) è un atto pubblico e ufficiale con valore giuridico; pertanto è necessario "allestire" presso il parroco di competenza (dell'una o dell'altra parte) la posizione matrimoniale con la ricerca e la verifica dei documenti necessari e le pubblicazioni sia religiose che civili.
Al Parroco, in occasione del primo colloquio per il consenso, è necessario esibire:
- certificato di battesimo e di cresima ad uso matrimonio, con data non anteriore ai sei mesi precedenti la celebrazione; - se uno dei nubendi è residente in un paese fuori dalla diocesi di Ferrara- Comacchio deve portare la prova testimoniale di stato libero, effettuata presso il parroco della propria residenza;
- altri certificati solo per chi si trova in qualche situazione particolare: sarà il parroco stesso a indicarli.

NOTE "tecniche"

Musica
Ogni coppia provveda personalmente alla scelta dell'organista (in Parrocchia ve ne sono persone disponibili) e ci si accordi a tempo per la scelta dei brani. Una migliore partecipazione è data dal canto di tutta l'assemblea piuttosto che da solisti professionisti.
A tutti si rammenta che l'eventuale canto dellì "Ave Maria" può essere fatto solo al termine della celebrazione e non alla comunione.
Fiori
Ogni coppia può provvedere all'addobbo floreale, evitando eccessi che danno senso di spreco inutile.Soprattutto se il fiorista non è pratico della nostra chiesa lo si inviti a prendere contatto con il parroco.
Fotografi e videooperatori
E' ammesso esclusivamente un fotografo ufficiale e un video operatore, che devono agire con discrezione e secondo le disposizioni date per non recare disturbo.
Al termine della cerimonia, dopo le firme sono ammesse riprese fotografiche solo per i genitori e i testimoni con gli sposi.
Offerta
E' consuetudine lodevole, in occasione del proprio matrimonio dare un'offerta per le necessità materiali della Chiesa.
Preparazione del rito
In occasione del primo incontro alle coppie verrà dato dal parroco un libretto per il rito della celebrazione del matrimonio: oltre al rito stesso contiene anche le letture, che gli sposi possono scegliere per la celebrazione della messa.
Nella settimana precedente il matrimonio ci si accorderà per le prove e la celebrazione del sacramento della riconciliazione.